card
Prodotti olistici
selezionati personalmente da esperti
Blog

Olio essenziale di lavanda: virtù e pregi

Scritto da divinamente Staff in Curiosità
Tags:
10 aprile 2018 - 0 commentiOlio-essenziale-di-lavanda-virtù-e-pregi-principale
Tutti i benefici dell'olio essenziale di lavanda

Tanto ci sarebbe da dire sugli oli essenziali e sul loro utilizzo, ma oggi vi voglio parlare in particolare dell'olio essenziale di lavanda.

Già il suo colore, amato e apprezzato da parecchie persone, vibra ad un’alta frequenza portando benessere solo a guardarlo. Il suo nome invece ricorda il fresco e il pulito e deriva infatti dal latino “lavare”, cioè che deve essere lavato. 

Storia dell'olio essenziale di lavanda

Nell’antichità e in particolar modo nel Medioevo la lavanda veniva impiegata per profumare l’acqua per lavarsi o come disinfettante. Nell’antico Egitto si faceva uso dell’olio di lavanda nel processo di imbalsamazione e nella cosmesi oltre che a profumare i luoghi di culto, ed anche nell’antica Roma e in Grecia la lavanda veniva utilizzata in occasione di riti o per profumare l’acqua dei bagni termali.

L'essenza di lavanda è una vera e propria benedizione e non dovrebbe mai mancare nel vostro kit curativo di base, per lo meno per quanto riguarda la sua rinomata efficacia nel trattamento di scottature e ustioni.

È stato proprio grazie ad un incidente avvenuto a René-Maurice Gattefossé, un chimico francese che produceva dagli oli essenziali ai prodotti farmaceutici, che si sono scoperte alcune delle benefiche proprietà della lavanda tra cui antisettica, lenitiva e rinfrescante. Era il 1910 quando René-Maurice rimase gravemente ustionato ad entrambe le mani durante un esperimento nel suo laboratorio.
Dopo vari tentativi con la medicina tradizionale decise di sperimentare l’olio essenziale di lavanda, applicandolo sulle ferite. I risultati furono straordinari, confermando le sue intuizioni sull’elevate proprietà antisettiche della lavanda.

Ormai sempre più persone stanno iniziando a comprendere che “il caso” non esiste e che c’è sempre un perché dietro a qualunque evento. Quindi non è così assurdo valutare l’ipotesi che questo piccolo incidente avvenuto a Gattefossé fosse “voluto” per iniziarlo ad un percorso che avrebbe poi aiutato tante altre persone ad utilizzare un tale strumento benefico della natura.
Provate a pensare a quante scoperte sono avvenute grazie a degli incidenti…!

Usi della lavanda 

Molteplici sono gli usi che si possono fare dell’olio essenziale di lavanda sia a livello fisico, mentale che spirituale, eccone alcuni esempi:

  • a livello fisico, oltre ad essere antisettico, è un naturale antibiotico, è depurante, analgesico, vermifugo, cicatrizzante, antispasmodico e stimola il sistema immunitario.
  • a livello mentale, è un antidepressivo, sedativo e tonico. Calma il nervosismo e gli stati ansiosi, ottimo per l’insonnia.
  • a livello spirituale, è un olio indicato soprattutto per lavorare sul chakra cardiaco poiché favorisce l’amore, la serenità e il raggiungimento di un proprio equilibrio.

L'uso dell'olio essenziale di lavanda in magia 

La lavanda ha virtù difensive e purificatrici e questa la rende adatta nella preparazione di incensi e oli da utilizzare in magia, soprattutto negli incantesimi di attrazione come fortuna, successo e amore.

Già nell’antichità venivano cuciti sacchettini di lavanda e portati al collo come portafortuna e nei riti di purificazione veniva utilizzata per allontanare la negatività e la sfortuna.

Eccovi un metodo semplice ma efficace per purificare un ambiente o semplicemente per alzare le vibrazioni di quello stesso ambiente: accendete degli steli seccati di lavanda utilizzandoli come bastoncini d’incenso oppure aggiungete qualche goccia di olio essenziale nel brucia essenze chiedendo allo spirito protettore della lavanda di portare pace e serenità.

Uno spirito protettore, chiamata anche fata, è l’essere addetto alla crescita e sviluppo di un fiore o di una pianta e in natura ce ne sono a migliaia, invisibili alla maggior parte delle persone, che aiutano la natura ad avere un suo proprio equilibrio. Per dare ospitalità alle fate della lavanda che porteranno protezione a chi vi abita, fate seccare qualche spiga, legatele con un nastro bianco e appendetela dietro la porta di casa.

Bagno purificante con olio di Lavanda

Se avete passato una giornata stressante con persone o situazioni che vi hanno assorbito parecchia energia, potete ripulirvi con un bagno alla lavanda. Prendete una tazza di sale grosso e miscelate 20 gocce di olio essenziale di lavanda, dopodiché versatelo nell’acqua della vasca e immergetevi per almeno 15 minuti.
Non abbiate fretta, prendetevi tutto il tempo che vi occorre. Creare una buona atmosfera con una candela e un buon incenso (magari proprio alla lavanda), vi metterà nella giusta condizione di ricevere le energie benefiche del bagno.

Curiosità

Il profumo della lavanda infastidisce insetti come mosche e zanzare, attirando invece le api che grazie a questa pianta producono un ottimo miele aromatico ricco di ferro. Quindi se vedete un campo di lavanda non buttatevi a capofitto ma piuttosto chiedete all’energia di questa pianta di ripulire il vostro campo aurico.

Sapevate che l’olio essenziale di lavanda può essere sperimentato anche in cucina? Provatelo aromatizzando dolci, infusi, aceto… vi stupirà!

0 Commenti
Lascia un commento
Rimani sempre aggiornato
Iscriviti alla nostra newsletter
message images